Le relazioni pericolose

Oggi voglio scrivere della fine di una storia d’amore. Una storia difficile, tormentata, una storia in cui ho creduto tanto, che mi ha regalato bei momenti ma anche un sacco di sofferenza. Dopo diversi mesi di silenzio, ad aspettare una telefonata o almeno una mail, adesso posso dirlo: la mia storia d’amore con l’editoria è ufficialmente finita.
Continua a leggere

La saggezza dello stercorario

Ieri, parlando con un ragazzino di 13 anni, mi ha detto che la sua vita fa schifo.
Gli fa schifo la sua scuola, la sua famiglia, gli fa schifo non avere i soldi per tutto quello che vuole, e se fosse per lui lascerebbe la scuola e se ne andrebbe a lavorare alla catena di montaggio otto ore al giorno.
Naturalmente non ha la più pallida idea di cosa significhi lavorare in fabbrica, benché creda di sapere tutto e si lamenti di tutto, com’è normale alla sua età. Io però mi sono un po’ intristita, e avrei voluto raccontargli la storia dello stercorario. Continua a leggere

La mia categoria non esiste #1

Questo è un post di denuncia. Un grido d’aiuto formale che lancio a nome delle due categorie cui appartengo: i dottori di ricerca e i correttori di bozze.

Noi ESISTIAMO.

Diversamente da quello che dicono i menù a tendina compilati da alcuni sadici programmatori, non siamo “Altro”. Siamo una categoria sufficientemente numerosa da meritare un’opzione nei moduli pubblici, nei database, nelle statistiche, perfino, santoddio, nelle schede dei sondaggi telefonici.
Lo dico perché questa cosa si rivela spesso un problema, costringendoci a inutili e tortuose spiegazioni.
Due esempi.

Continua a leggere

Non ci resta che piangere

“Sacrificio”. Non riesce nemmeno a dirlo, la ministra Fornero. Forse perché di sacrifici continuano a chiedercene sempre troppi? Ci dicono che finora abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità, ma se ripenso agli ultimi cinque o sei anni mi chiedo quali fossero, allora, le mie possibilità. Continua a leggere