Le relazioni pericolose

Oggi voglio scrivere della fine di una storia d’amore. Una storia difficile, tormentata, una storia in cui ho creduto tanto, che mi ha regalato bei momenti ma anche un sacco di sofferenza. Dopo diversi mesi di silenzio, ad aspettare una telefonata o almeno una mail, adesso posso dirlo: la mia storia d’amore con l’editoria è ufficialmente finita.
Continua a leggere

Annunci

Ci sono giorni buoni

Sono tre giorni che apro il blog perché ho delle Lamentationes di portata generazionale in canna, ma ecco, siccome mi rendo conto che ultimamente sono una lagna volevo dirlo anche qui, che certi giorni sono pure dei giorni buoni, a dispetto di tutto.

E quindi stamattina mi sono svegliata più tardi del solito – perché se non posso avere uno stipendio allora non voglio nemmeno gli orari e rivendico il mio sacrosanto diritto a svegliarmi quando mi pare – e ho preso il caffè con calma, sul balcone, col sole – perché se non posso avere la mia scrivania allora lavoro da casa come, quando e dove dico io – e ho chiacchierato su whatsapp con due amici, con uno di Infinite Jest e con l’altro di un progetto bellissimo che sta prendendo forma piano piano. Continua a leggere

Giovani, carini e politicamente impegnati

ovvero: Una cosa (più o meno) divertente che non farò mai più #5

Campagne elettorali. Me ne sono sempre tenuta a debita distanza, e probabilmente avrei continuato così, se le circostanze non avessero deciso per me.  Continua a leggere

Contro il primato dell’opinionista nella società contemporanea

Il solo fatto di aver imparato a risolvere le espressioni alle scuole elementari mi autorizza a mandare il curriculum al Cern? Evidentemente no. Eppure il fatto di aver imparato (si fa per dire) a leggere e a scrivere pare autorizzare i tre quarti della popolazione italiana ad innalzarsi al ruolo di scrittori, comunicatori o, peggio di tutto, opinionisti

Continua a leggere