Mettere radici

selling-harvest-gold-shag-carpet-ads-from-the-1960s-1970s-carpet-ads-l-5e4599a5cd13c9cf.jpg

No, ma poi: provateci voi a comprare una casa.

Vi ricordate quella storia di “such a pretty house and such a pretty garden”? Fino a due anni fa credevo che la parte difficile fosse avere una busta paga decente. Non appena ne ho avuta una, mi sono trionfalmente fiondata in banca per scoprire che no, il vero problema è far quadrare i conti. Continua a leggere

Annunci

Come si sopravvive alla SPL – Sindrome del Primo Lunedì dopo le vacanze di Natale

Non si apprezza quanto siano belle le ferie finché non le hai – e finché non finiscono.
Si conclude in questi giorni il mio primo anno di lavoro non freelance, e dopo aver provato per la prima volta nella vita l’ebbrezza di tre settimane di ferie in agosto, ho di recente vissuto l’emozione delle vacanze di Natale, che per me non esistevano più dai tempi della scuola.

Prima Natale era quel periodo dell’anno in cui, come collaboratrice occasionale, mi sbobbavo il lavoro che i dipendenti dell’agenzia per cui lavoravo non erano riusciti a smaltire prima – appunto – delle ferie di Natale. Quest’anno sono invece saltata dall’altra parte della barricata, e quando mi hanno comunicato che l’ufficio sarebbe stato chiuso dal 22 all’8 gennaio quasi non ci credevo. Tantissimo tempo! Tantissimo tempo per fare tutte quelle cose che “lo faccio quando avrò un po’ di tempo”!

Vacanze d Natale

E invece, indovinate un po’?, siamo all’8 gennaio, si lascia entrare Ascanio, si torna in ufficio, e mi sembra di non aver fatto niente di tutto quello che avrei voluto fare. Come si sopravvive alla SPL – Sindrome del Primo Lunedì dopo le vacanze? Continua a leggere

Di come è cambiata No Surprises nel passaggio dall’adolescenza all’età adulta

A heart that’s full up like a landfill
A job that slowly kills you
Bruises that won’t heal

Oggi pensavo a come cambia l’interpretazione delle canzoni man mano che si diventa grandi – adulti – vecchi.

No Surprises è la prima canzone dei Radiohead che ho ascoltato, con il suo campanellino (che poi ho capito chiamarsi glockenspiel) nel jingle di un canale musicale quando ero una pischella e di musica sapevo meno di zero. Quest’anno ha compiuto vent’anni, e in questi vent’anni è come se i Radiohead ed io fossimo cresciuti insieme. Continua a leggere

Le relazioni pericolose

Oggi voglio scrivere della fine di una storia d’amore. Una storia difficile, tormentata, una storia in cui ho creduto tanto, che mi ha regalato bei momenti ma anche un sacco di sofferenza. Dopo diversi mesi di silenzio, ad aspettare una telefonata o almeno una mail, adesso posso dirlo: la mia storia d’amore con l’editoria è ufficialmente finita.
Continua a leggere